FAI-Calabria incontra gli Apicoltori Calabresi

Tema:

 Aethina Tumida: monitoraggio del nuovo parassita.

 Miglierina (CZ) 27/09/2014

 

 

 Il locale è la Palestra scolastica, messa a disposizione dall’Amministrazione Comunale di questo ordinato paesino Calabrese. L’aria che si respira a Miglierina sà di tranquilla serenità, gente cordiale, aperta come solo i meridionali sanno esserlo.

60 presenze in sala, prevalentemente apicoltori provenienti da tutta la Calabria, ma anche Veterinari e tecnici apistici; Importanti aziende ma anche apicoltori alle prime armi.

Ci accoglie il Vicesindaco dott. Gregorio Guzzo e nel suo intervento introduttivo riporta l’esperienza avuta nel recente passato con il “cinipide del castagno” ( la produzione di castagne rappresenta una fetta importante per l’economia di Miglierina) è di incoraggiamento per gli apicoltori ed un invito alla coesione, sopratutto in questa emergenza sanitaria.

Il “taglio” che FAI-Calabria ha dato all’incontro odierno è di carattere informativo sia dal punto di vista tecnico di individuazione del coleottero negli alveari, sia organizzativo vista la costante e continua frequenza con i gruppi di controllo sanitario (Veterinari delle ASP ) della Regione.

L’aggiornamento sulla diffusione dell’aethina nella piana di Gioia Tauro è stata evidenziata da una immagine satellitare aggiornata al 26/09/2014 con i punti di ritrovamento del coleottero (vedi foto).

La cronologia dei ritrovamenti, dal primo focolaio (quello dell’Università) all’ultimo ha chiarito al distribuzione sul territorio del parassita e, soprattutto, smentito le diverse versioni fantasiose sugli interventi dalle autorità sanitarie.

Le numerose domande dalla platea e le varie opinioni espresse dai partecipanti su azioni ritenute necessarie al contenimento della diffusione del parassita AETHINA Tumida, hanno mostrato quanta preoccupazione grava sul futuro dell’apicoltura non solo Calabrese.

 

 

Additional information